Articoli

Spunta la “S” in sala giunta: lettera al Ministro Bray

 

S

Spunta la “S” di Vignelli sul pavimento del Comune: lettera al Ministro Bray

Lo stravolgimento del pavimento della storica sala giunta del Comune di Salerno, dove sono comparsi i discutibili logo con la «S» di Vignelli al posto di un cotto antico, aspetta adesso tre risposte: una del Soprintendente di Salerno, Gennaro Miccio, l’altra del direttore regionale dei Beni Culturali della Campania, Gregorio Angelini, e l’ultima del ministro Massimo Bray.

OGGETTO: Salerno – interventi edilizi nel palazzo di Città.

Apprendiamo che l’Amministrazione Comunale di Salerno avrebbe recentemente eseguito alcuni discutibili interventi edilizi nella storica “Sala Giunta” del Palazzo di Città, edificio interamente sottoposto a tutela, per effetto degli artt. 10 e 12 del Codice dei beni culturali e del paesaggio. Nella sala sarebbe spuntata una nuova pavimentazione con la “S”, il logo turistico di Vignelli.

Ciò premesso, chiediamo alle SS.LL. di voler comunicare se per l’intervento in questione sia stata acquisita l’autorizzazione prescritta dall’art. 21 del citato Codice e, in tal caso, se le discutibili opere, suscettibili in ogni caso di arrecare grave danno al bene vincolato, siano state eseguite in conformità al predetto titolo.

Laddove – come invece si ritiene -l’intervento sia stato eseguito in assenza di autorizzazione, si sarebbe integrato quanto previsto e punito dagli artt. 160 e 169 del Codice citato.

Chiediamo, pertanto, di ordinare – come per legge -la restituzione in pristino e di informare la competente Autorità Giudiziaria della sussistenza di fatti penalmente rilevanti. 

 Salerno 11 giugno 2013

giuntastyle